Torre Civica di S. Agata sul Santerno, protezione e restauro grazie all'Art Bonus - Comune di Sant'Agata sul Santerno

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Guida ai servizi - News - Torre Civica di S. Agata sul Santerno, protezione e restauro grazie all'Art Bonus  

Torre Civica di S. Agata sul Santerno, protezione e restauro grazie all'Art Bonus

Il Comune di S. Agata sul Santerno ha aderito all’Art Bonus, inserendo come bene la Torre Civica di piazza Umberto I. L’obiettivo, come previsto dalla legge, è quello di rendere aziende e privati partecipi della riqualificazione del patrimonio pubblico. L’Art Bonus consiste infatti in un credito d'imposta pari al 65% dell’importo donato a chi effettua erogazioni liberali a sostegno del patrimonio culturale pubblico italiano.

torre-civica-grande

L’intervento individuato dal Comune di Sant’Agata sul Santerno per la Torre Civica propone interventi di manutenzione straordinaria per un importo stimato di 98mila euro. In particolare prevede un ripasso del manto di copertura, un intervento di risanamento umidità, il rifacimento di parti di intonaco e nuova tinteggiatura esterna. Il tutto è illustrato nel sito web dell’Art Bonus (artbonus.gov.it), dove è possibile visualizzare la descrizione dell’intervento proposto per l’erogazione liberale, il costo, le donazioni ricevute, lo stato di avanzamento del progetto e l’utilizzo delle somme ricevute.

Sono numerose le tipologie di interventi che possono godere del credito di imposta dell’Art Bonus: possono riguardare infatti la manutenzione, la protezione e restauro di beni culturali pubblici; il sostegno degli istituti e dei luoghi della cultura di appartenenza pubblica (per esempio musei, biblioteche, archivi, aree e parchi archeologici, complessi monumentali), delle fondazioni lirico-sinfoniche e dei teatri di tradizione (ndr, nel territorio della Bassa Romagna non esistono fondazioni lirico-sinfoniche o teatri di tradizione); la realizzazione di nuove strutture, il restauro e potenziamento di quelle esistenti, di enti o istituzioni pubbliche che, senza scopo di lucro, svolgono esclusivamente attività nello spettacolo.

Non ci sono soglie minime per le donazioni e possono contribuire sia privati cittadini, sia titolari di reddito di impresa; per i privati il tetto massimo è il 15% del reddito imponibile, mentre per i titolari di reddito di impresa è il 5 per mille dei ricavi annui.

 Per effettuare una donazione è necessario fare un bonifico con le seguenti coordinate: Comune di S. 'Agata sul Santerno - Ufficio lavori pubblici e patrimonio, conto corrente bancario presso Cassa di Risparmio di Ravenna, IBAN: IT 07 P 06270 13199 T20990000505, causale: "Art Bonus - Erogazione Liberale per Comune di Sant’Agata sul Santerno, Torre Civica”.

Per ottenere l’agevolazione fiscale è sufficiente conservare il bonifico e presentarlo in sede di dichiarazione dei redditi.

“La comunità di S. 'Agata, benché ricca di storia, a causa delle vicissitudini che l'hanno attraversata non può vantare particolari vestigia storico/artistiche di valore - ha dichiarato l’assessore al Patrimonio Elisa Sgaravato -; sono anzi rare, e perciò preziose, le testimonianze delle epoche precedenti giunte integre fino ai nostri giorni. L'Amministrazione comunale ritiene che la Torre Civica,  (dalla quale, oggi, rintoccano le ore della campana della Ragione) vada salvaguardata per le generazioni future. Coniugando antico e moderno, mecenatismo e conservazione dei beni culturali 2.0, l'Art Bonus permette ai cittadini e ai privati, di partecipare in prima persona alla conservazione del patrimonio culturale del proprio paese e di tramandare ai posteri quanto preservato fino ad oggi. Davvero una bella occasione per investire nel futuro”.

 CENNI STORICI

La Torre Civica fu ricostruita sull'antica porta d'accesso al Castello medievale che appare anche sullo stemma del Comune e sorse nei primi secoli dopo il 1000. Fonti autorevoli ne attribuiscono l'edificazione al Barbarossa. La costruzione era cinta da solide mura che formavano un quadrilatero circondato da un grande fossato detto "La Fossa". Dall'antico castello non rimase che un torrione (ma pare ve ne fossero due) trasformato, poi, nella torre dell'orologio, con ampio arco, la “Porta" come viene comunemente chiamato, che immette nel piazzale della chiesa arcipretale costruita più volte nel recinto del castello. I più recenti lavori di restauro alla Torre furono eseguiti nel 1990. La campana dell'orologio detta "della ragione" fin dai tempi remoti, certamente già nel 1487, come appare dagli antichi "Statuti", serviva per chiamare a raccolta i cittadini che governavano il paese e si è mantenuta fino ai tempi nostri.

 

UFFICIO STAMPA

Unione dei Comuni della Bassa Romagna

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse