Sant'Agata sul Santerno è il terzo comune in Italia ad attivare l'ANPR - Comune di Sant'Agata sul Santerno

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Guida ai servizi - News - Sant'Agata sul Santerno è il terzo comune in Italia ad attivare l'ANPR  

Sant'Agata sul Santerno è il terzo comune in Italia ad attivare l'ANPR

 

 

A partire da lunedì 27 marzo a Sant’Agata sul Santerno (RA) sarà attiva l’Anpr, l'Anagrafe nazionale della popolazione residente. Con l'Anpr si realizza un'unica banca dati con le informazioni anagrafiche della popolazione residente a cui faranno riferimento non solo i Comuni, ma l'intera pubblica amministrazione e tutti coloro che sono interessati ai dati anagrafici, in particolare i gestori di pubblici servizi. Allineando i dati toponomastici, l’Anpr permetterà di concretizzare l'anagrafe nazionale dei numeri civici e delle strade urbane, strumento necessario a completare la riforma del catasto e per adeguarsi agli standard europei.

anapr-foto

Si tratta del terzo Comune in Italia, dopo Bagnacavallo (RA) e Lavagna (GE), ad attivare questo progetto che rivoluzionerà il mondo delle anagrafi. I cittadini, per esempio, potranno richiedere certificati e visure anagrafiche in qualsiasi Comune e non soltanto presso quello di residenza.

“È veramente grande l'orgoglio e la soddisfazione di vedere Sant’Agata sul Santerno al terzo posto sui quasi 8.000 comuni d'Italia nell'attivazione di questo importante progetto nazionale - ha dichiarato il sindaco Enea Emiliani -. Questo clamoroso risultato è il frutto di competenza, passione e propensione all'innovazione da parte dei dipendenti del Comune di Sant’Agata sul Santerno e nello specifico del personale dell'ufficio Servizi Demografici. Un piccolo ufficio anagrafe che non si è sottratto alle gravose incombenze per implementare le nuove procedure necessarie e che, grazie alla guida del Comune di Bagnacavallo, primo Comune d'Italia, ha saputo raggiungere questo prestigioso traguardo che rinnova l'immagine della Bassa Romagna come terra d'innovazione e contribuisce alla realizzazione dell'anagrafe nazionale che semplificherà notevolmente la burocrazia e l'accesso ai dati, migliorando la qualità del servizio per gli oltre 60 milioni di cittadini italiani. Un ringraziamento particolare all'Unione dei Comuni della Bassa Romagna, al Comune di Bagnacavallo, a Data Management PA e al personale dell'ufficio Servizi Demografici: il nostro piccolo paese è sul podio nazionale”.

 

 Nella foto il Sindaco Enea Emiliani e la responsabile dell'ufficio Servizi Demografici Alessandra Ceroni.

 

UFFICIO STAMPA

Unione dei Comuni della Bassa Romagna

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse