Cinquanta sfumature di pergamena - Comune di Sant'Agata sul Santerno

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Città e territorio - Cultura - ‘Hercules Dux’... - Cinquanta sfumature di pergamena  

Cinquanta sfumature di pergamena

 

                                 
stemma-comune-grande
regione-beni-artistici
                         

 

Codice-durante-le-fasi-di-restauro

Codice durante le fasi di restauro del supporto scrittorio  

 

L'esemplare più antico dei due codici contenenti gli Statuti della Terra di S.Agata è interamente composto di pergamena , un materiale scrittorio di origine animale, a differenza della carta che si ricava da fibre vegetali.

primo-foglio
primo-foglio-2

Primi fogli del codice durante il restauro  

Nelle sue Naturalis Historia  (libro XIII, 11, 70) lo storico romano Plinio il Vecchio ci racconta che Tolomeo V, faraone d'Egitto, per ostacolare lo sviluppo della biblioteca del rivale Eumene II, re di Pergamo (197-158 a.C.), avesse vietato l'esportazione di papiro a quest'ultimo. Per aggirare un embargo che avrebbe di fatto posto un freno non solo all'attività letteraria e culturale della vivace città, ma anche alle dinamiche commerciali, il re, in sostituzione del papiro, avrebbe allora usato della pelle animale opportunamente tensionata e lisciata.

Il nome di pergamena dato a questo substrato forte e flessibile, resistente e duttile, deriverebbe dunque da Pergamo.Non sappiamo quanto fondamento di verità vi sia in questa storia tramandata dallo storico Plinio: per certo, sappiamo che a  Roma la pergamena era sicuramente presente già nel I sec. a.C., come ci informa il poeta Orazio (Satirae , II, 3, 1-2) che la chiama membrana,  sebbene questa venisse usata preferentemente per le minute come succedaneo delle tavolette cerate.Il metodo di preparazione della pergamena ci è stato tramandato da alcuni manoscritti, il più antico dei quali è il Codex 490  della Biblioteca Capitolare di Lucca, databile tra la fine dell'VIII e l'inizio del IX secolo:Pergamena quomodo fieri debeat. Mitte illam in calcem et iaceat ibi per tres dias. Et tende illam in cantiro (= catino). Et rade illam cum nobacula (= rasoio) de ambas partes et laxas dessicare. Deinde quodquod volueris scapilatura, facere, fac; et postea tingue cum coloribus.
Ulteriori notizie sulla preparazione di questo supporto scrittorio si possono trovare nelle tavole dell'Encyclopédie  di Diderot e D'Alembert, dove vengono descritte tutte le fasi lavorative.

Di seguito ho riportato un video che sintetizza il processo di manifattura.

Link

Come si vede, le prime fasi del procedimento coincidevano con quelle della preparazione del cuoio: lavaggio ed immersione in uno o più bagni successivi di idrossido di calcio per sciogliere il grasso e agevolare il distacco dei peli dai follicoli; depilazione manuale o con l'ausilio di appositi strumenti (coltello a mezzaluna).La pergamena doveva essere necessariamente asciugata sotto tensione in telai  rettangolari o circolari per far sì che le fibre di collagene si "orientassero" e per ottenere una superficie opaca adatta a ricevere la scrittura su ambo i lati.Da un unico animale (ovino, bovino o caprino), si ricavavano uno o più fogli, a seconda della dimensione dello stesso. Su un foglio di pergamena è possibile distinguere diverse zone dell’animale  di provenienza, come la  linea della schiena (la parte più robusta e spessa della pelle, scura e con un’alta concentrazione di follicoli piliferi sulla parte pelo), gli scalfi (le zone dove si trovavano le zampe), la spalla, l’anca, il collo… ed ognuna di esse presenta un suo spessore e robustezza. 
A seconda della disposizione dei bulbi piliferi sulla superficie, è addirittura possibile distingure l’animale di provenienza. In un foglio di pergamena si distingue facilmente il 'lato carne' - generalmente più giallo - dal 'lato pelo': nella confezione del codice di pergamena lo scriba faceva in modo che le due pagine contigue presentassero lo stesso 'lato di origine' per evitare l'effetto antiestetico di due colorazioni differenti (Regola di Gregory).
Dal punto di vista chimico-fisico, la pergamena è costituita da collagene , una proteina a carattere fibroso.  La disposizione spaziale delle fibre - legate tra loro da legami idrogeno -, ha permesso a libri e documenti, in normali condizioni di conservazione, di resistere molto bene all’uso e al deterioramento mostrando quanto questo materiale sia più resistente ed affidabile della carta.
Anche per questa ragione, la pergamena si diffuse rapidamente e senza ostacoli in tutto il mondo antico, sostituendo il papiro e gli altri supporti scrittori.
In seguito all'affermazione della carta come supporto scrittorio a partire dal XII secolo, si continuarono a vergare documenti di carattere giuridico e legale principalmente su pergamena, considerata più duratura, così come stabilito anche dall'imperatore Federico II con un decreto del 1231 che proibiva ai notai di scrivere gli instrumenta publica  su charta papyri. Similmente, uno statuto di Padova del 1236 dichiarava nullo ogni documento scritto su carta.

Vedremo in un post dedicato quali sono le insidie di carattere ambientale che possono mettere a repentaglio la conservazione di un documento membranaceo.

 

 

Bibliografia
Carlo Pastena, Breve storia dei materiali scrittori dalle origini al XV secolo . Palermo  2001Marilena Maniaci, Archeologia del manoscritto. Metodi, problemi, bibliografa recente.  Roma, Viella, 2002

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse